LE LANGHE
E IL ROERO

Quanta forza nelle nostre radici, solide come le mura antiche dei nostri castelli.
Radici che si incrociano e risiedono tra la morbidezza delle colline e le pietre dei monumenti.


PROVINCIA GRANDA

Lo straordinario paesaggio dell’arco sud-occidentale della Alpi italiane, dominato dalla mole inconfondibile del Monviso, racchiude in sé un’isola speciale: la Provincia di Cuneo, chiamata da sempre “Provincia Granda” per le sue dimensioni territoriali.

Alba è situata a circa 60 km sud-est dal capoluogo del Piemonte, Torino, nel Nord-Ovest dell’Italia, e sorge per gran parte sulla riva destra del fiume Tanaro, su una vasta conca pianeggiante circondata dalle splendide colline ricche di vigneti delle Langhe in destra Tanaro e del Roero in sinistra.

NODO PRIMARIO

Il territorio di Alba, Bra, Langhe e Roero, non è un’entità amministrativa, ma può essere definito a “geometria variabile”, con confini mutevoli a seconda delle ragioni, obiettivi, punti di vista da cui lo si osserva. La città di Alba è a pieno titolo il capoluogo di quest’area: con una posizione gerarchica nettamente prevalente, gioca il ruolo di nodo primario del sistema territoriale, dimensionalmente e funzionalmente.

VIGNETI DEL PIEMONTE

Nelle Langhe più basse e nel Roero le vigne ben coltivate, disposte secondo le curve di livello, costituiscono un rimarchevole esempio della interazione tra l’azione dell’uomo e l’ambiente. Poco lontano da Alba vi sono le aree del Barolo e del Barbaresco che fanno parte dei Paesaggi vitivinicoli del Piemonte: Langhe-Roero e Monferrato inclusi nella World Heritage List dell’Unesco. Dalle colline che si elevano attorno ad Alba le vigne scendono fino a lambire le case e presso la storica Scuola Enologica costituiscono un singolare episodio di “parco urbano”.